Vendita di veicoli – 3° Avviso – Secondo ribasso. Presentazione offerta entro le ore 12:00 del 10 Dicembre 2019

Ecco la Guida alla corretta separazione dei rifiuti domestici

UTENTI > FAQ

HAI UN DUBBIO? UN QUESITO?

 MANDACI UNA E-MAIL E TI RISPONDEREMO!

assa@assa.it

 Ecco la raccolta dele più frequenti richieste, quesiti, domande che i cittadini rivolgono ad ASSA S.p.A. sui servizi di raccolta diffrenziata dei rifiuti, di igiene urbana e su altri temi ambientali connessi alle attività svolte dall’azienda.

  • Cos’è il tetrapak?
    E’ un poliaccoppiato, costituito da carta alla quale vengono “accoppiati” materiali in strati sottili (plastica, alluminio, ecc.). Si deve gettare nella carta.
  • Che cos’è la banda stagnata?
    E’ un foglio di acciaio ricoperto su entrambi i lati da un sottile strato di stagno costituente molti imballaggi.
  • Cosa significa biodegradabile?
    Significa decomponibile in sostanze più semplici grazie all’azione di batteri e microrganismi.
  • Cosa significa la sigla PE?
    Indica un tipo di plastica, il polietilene, utilizzata per bottiglie e flaconi.
  • Gli oggetti in porcellana possono essere gettati nel contenitore del vetro?
    No.
  • Dove si devono gettare le pile esauste?
    Nei contenitori appositi per la raccolta differenziata, situati presso i rivenditori, oppure all’isola ecologica.
  • Dove si possono buttare i farmaci scaduti?
    Negli appositi contenitori per la raccolta differenziata, presso tutte le farmacie della città oppure all’isola ecologica.
  • Che cos’è il compost?
    E’ un ammendante agricolo, che migliora la qualità del terreno.
  • Cosa contengono gli imballaggi con la sigla T/F?
    Contengono materiali tossici e infiammabili.
  • Che cosa sono i fitosanitari?
    Sono prodotti impiegati prevalentemente per difendere le colture agricole e le derrate alimentari.
  • Cosa si deve fare per avere un cassonetto in più?
    Se si tratta di un contenitore per la raccolta differenziata si deve compilare la richiesta di integrazione per la consegna gratuita del cassonetto aggiuntivo. Se si tratta di un contenitore del non recuperabile occorre effettuare un’integrazione a pagamento, stipulando un nuovo contratto noleggio dei cassonetti per la raccolta del non recuperabile.